La crisi climatica: azione.

La crisi climatica: azione.

La crescente preoccupazione per il cambiamento climatico ponte il tema al centro di una serie di discussioni sociali, politiche ed economiche che non possono restarci estranee. Che piaccia o no il tema è ormai un problema di strettissima attualità, quindi è fondamentale cominciare a spiegarlo anche ai più piccoli, che ormai ne sentono parlare ovunque, provando a guidarli verso abitudini e atteggiamenti più sostenibili e più consapevoli.

In questo articolo vogliamo darvi spunti e idee per parlare di cambiamenti climatici ai bambini, attraverso concetti semplici e attività ludiche che possano responsabilizzarli verso la salvaguardia del nostro Pianeta.

 

EFFETTO SERRA E RISCALDAMENTO GLOBALE

Il nostro pianeta è molto vecchio, ha circa 4,5 miliardi di anni. Durante questo tempo, il clima è cambiato tante volte. CI sono stati periodi in cui la terra era molto fredda, come durante le Ere Glaciali, e altri in cui era più calda. Questi cambiamenti sono sempre avvenuti lentamente e naturalmente. Negli ultimi decenni invece, il cambiamento delle temperature si è verificato così velocemente da porre il tema all’attenzione di tutti per la preoccupazione cha ha suscitato. Le conseguenze di questo cambiamento climatico sono troppo evidenti: scioglimento dei ghiacci, aumento del livello del mare, eventi meteorologici estremi come tempeste più intense e siccità prolungate.

La causa è da ricercare nei nostri atteggiamenti e abitudini. I gas presenti nell’aria ( come l’anidride carbonica) intrappolano una parte delle radiazioni provenienti dai raggi solari che arrivano sulla Terra, causando così il riscaldamento dell’atmosfera. Questo fenomeno si chiama effetto serra, ed è molto importante per la vita sulla Terra, che altrimenti sarebbe molto fredda e invivibile.

Il problema è che oggi le attività umane ( industrie, riscaldamento della case ecc. ) producono tante sostanze di scarto (gas serra) che trattengono eccessivamente il calore e provano il surriscaldamento del clima.

Questo comporta una serie di problematiche che mettono a rischio la vita stessa del pianeta Terra: lo scioglimento dei ghiacci, la perdita di habitat e specie, la siccità e carestia, oltre che catastrofi naturali.

 

Affrontare questa crisi climatica richiede cambiamenti sostanziali, con un chiaro orientamento verso fonti rinnovabili e pratiche sostenibili. L’ Accordo di Parigi del 2015 ha segnato un passo significativo verso la decarbonizzazione, impegnando i Paesi a limitare l’aumento della temperatura globale e a perseguire la neutralità carbonica.

La transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio richiede un impegno collettivo a tutti i livelli, dalle politiche globali alle scelte individuali quotidiane. Il cambiamento culturale e l'adozione di comportamenti più sostenibili sono essenziali per mitigare gli effetti del cambiamento climatico e proteggere il nostro pianeta per le generazioni future. È un imperativo per il futuro della nostra stessa sopravvivenza. Ma non solo, ognuno di noi può fare qualcosa per contribuire a rallentare il cambiamento climatico. È importante quindi che bambini e ragazzi siano sensibilizzati sul problema al fine di modificare abitudini e stili di vita.

COSA POSSIAMO FARE NOI CON I NOSTRI PICCOLI?

Per aiutare i bambini a fronteggiare i cambiamenti climatici e adottare un approccio positivo, ecco alcune piccole azioni quotidiane che possono intraprendere:

  1. Iscriversi a un'associazione ambientalista per essere informati e sostenere la lotta ai cambiamenti climatici.
  2. Adottare un animale in via di estinzione attraverso programmi di adozione a distanza.
  3. Stabilire regole familiari per ridurre l'impatto ambientale, come limitare lo spreco alimentare, ridurre gli imballaggi e il consumo di energia.
  4. Organizzare uno swap party con gli amici per scambiare giocattoli anziché acquistarne di nuovi, promuovendo così il riutilizzo e la riduzione del consumo.

 

Torna al Il magazine di Regenerated